IL GIORNO DI GIOVANNA - 2007

 

(Concorso Nazionale "GIOVANNA DAFFINI")

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Dedi De Antiquis

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Gabriella Pestalozza

 

 

 Gabriella Pestalozza

 

 

 Gabriella Pestalozza

 

 

 Wainer Mazza

 

 

 Sandra Boninelli

 

 

 Adelmina Dell'Acqua

 

 

 

 

 

 

 

 

 Giangili & Gian Paolo Borghi

 

 

 Gabriella Pestalozza

 

 

 

 

 

 Lucette & Giangili

 

 

  Lucette Lafontaine

 

 

 

 

 

 Giangili

 

 

 

LA BALLATA DELL’ ORRENDO  SOSPETTO

 

CHIACCHIERE ( POPOLARI ) SUL  MOVENTE

DI  UN  TERRIBILE  FATTO  DI  SANGUE

 

Testo e versi di Gianni - GIANGILI - Gili

 

( aria di “Maria Goretti” di Lorenzo De Antiquis )

 

 

 

 

Questa è una storia reale.

La storia di un fatto così sconvolgente che ha lasciato tutti senza fiato.

Eppure è una storia di voci.

Già! Perché ciascuno ha cercato di trovare una ragione che motivasse quel gesto terribile.

“ Depressione di madre !” dissero molti.

Forse …

“Ma c’è anche dell’altro …”, si disse.

 

Che una madre uccida il proprio figlio è insopportabile … ciascuno si sente in pericolo!

Bisogna trovare un altro colpevole. Oppure un movente che veda il bimbo estraneo allo scatenarsi della furia …

Allora ecco: tutti a fare gli investigatori … per poterci fidare delle mamme, ancora!

 

Questa è la storia di un bambino.

E dove c’è un bambino c’è una mamma.

E questa è la storia della mamma del bambino.

E del papà del bambino.

E ci sono anche i nonni … che sono i papà e le mamme del papà e della mamma del bambino.

E c’è anche il paese del bambino: … ci sono alberi, abitanti taciturni … e se guardate bene, anche cerbiatti e aquile rapaci …

E c’è la neve … tanta neve … bianca, accecante da confondere la vista!

E c’è freddo, tanto freddo …!

 

Dove c’è un bambino ci sono anche gioia e giochi!

Ma questi, in questa storia non ci sono.

Questa è una storia di orrori.

E di sangue … molto sangue.

 

Storia di orrori.

Orrori che si portano dentro, chiusi in fondo …

E poi, un giorno sono più forti di te … non riesci più a trattenerli … escono fuori come bestie feroci!

… E fanno strage … strage di innocenti!

 

 

                                           Sopra il monte lassù c’è una casa

                                           Isolata sovrasta il villaggio

                                           Chi la vive ha fatto un bel viaggio:

                                           “ Ma perché son venuti quassù ?”.

 

                                           C’è la mamma ch’è molto ordinata

                                           Un bimbetto che gioca gioioso

                                           Il marito così silenzioso …

                                           “ Ma lor parlan diverso da noi !”.

 

                                           In quel luogo così solitario

                                           Lei si sente soltanto un po’ sola

                                           Con nessuno mai scambia parola …

                                           Un dì un uomo in divisa incontrò !

 

                                           Come un padre sapeva ascoltare

                                           Ma qualcuno fa correr la voce

                                           La calunnia diventa feroce …

                                           Il marito covava rancor … !

 

 

Solo “si dice” si dicevano … ma tanto basta !

I grovigli della mente, come serpenti di Medusa, sprizzano veleno .

Il letto e le notti maritali diventano infernali !

 

                                          

                                           Nel silenzio di quella vallata

                                           Guàrdiaparco dal ponte è volato

                                           Sembra tutto sia ormai terminato …

                                           Orrendo il fatto appena iniziò !

 

                                           “ Questo bimbo tu l’hai concepito

                                           Quando un altro c’avevi nel cuore

                                           Mentre noi si faceva all’amore …

                                           Il bambino un estraneo è qui !”.

 

                                           Lei soggiace per quelle parole …

                                           “ Lo distruggo per poi riparare …

                                           Una vita bisogna immolare …

                                           Certamente quel gesto farò ! ”

 

                                           Il bambino diventa mostruoso

                                           Le sembianze ha ormai del peccato

                                           Il demonio va pure scacciato

                                           Per portare la serenità .

 

                                           In ginocchio quasi sia l’altare

                                           Su quel letto con l’arma impugnata

                                           Lei sovrasta e colpì trasognata

                                           Sacerdote di un rito pagan .

 

                                           Primo colpo l’ha già tramortito

                                           Spappolata vien tutta la testa

                                           Ormai vita per lui poca resta …

                                           Il viso solo intatto starà !

 

                                           Copre tutto con la copertina

                                           Come la mamma le ha insegnato

                                           È tornato tutto bene ordinato …

                                           Anche il letto ora appare normal !

 

                                           “ O marito questo sangue ti offro

                                           Per lavare dalla testa e dal cuore

                                           Il sospetto ma anche il dolore

                                           Tradimento qui mai non ci fu “.

 

                                           “Tutto dunque tornò come prima

                                           La famiglia è di nuovo perfetta …

                                           Siamo i meglio di questa valletta

                                           Altro figlio possiamo rifar …!”.

 

 

Vi ricordate ?!

Quando si era nella pancia di mamma si stava di un bene …! Pensava a tutto lei !

Poi … improvviso, quel Paradiso è perduto per sempre …!

E poi cercato, per sempre …

 

                                          

                                           Quando nasci si rompon le acque

                                           Madre e figlio divisi e dolenti

                                           Con felici sorrisi i parenti

                                           Loro accolgon quel nuovo figliol .

 

                                           Di Robìnson siam tutti fratelli

                                           Ma naufràghi in un mare di baci

                                           Ma al nostro risultaron mendaci

                                           E nel sangue lui giù naufragò !

 

                                           Il bambino era solo un bambino

                                           Come tutti giocava innocente

                                           Certamente frignava sovente

                                           Per chiamar su di sè l’attenzion .

 

                                           A guardare ben bene su in alto

                                           Vedrai guardia e bambino per mano

                                           Là nel Gran Paradiso pian piano …

                                           Loro vanno e mai guardano giù !

 

                                                                                                            GIANGILI - 2007